Indirizzo mail

Puoi contattarci scrivendo a: cumpustela@gmail.com

sabato 19 marzo 2016

Possibile un'ottava salvaguardia entro l'estate

Pensioni / Esodati: "Possibile un'ottava salvaguardia entro l'estate"
Venerdì, 18 Marzo 2016 17:49
La Rete dei Comitati incassa il sostegno della Commissione Lavoro della Camera e dei sindacati per chiudere definitivamente la questione entro la fine dell'estate o comunque entro fine anno. Pressing senza sosta delle Rete dei Comitati degli esodati per l'ottava salvaguardia. Dopo aver incassato l'appoggio dei sindacati e della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, nei giorni scorsi una delegazione della Rete ha incontrato a livello informale la Presidenza del Partito Democratico per ribadire la necessità di provvedere entro la fine dell'anno ad un ottavo e definitivo provvedimento di salvaguardia. La Delegazione ha ricordato gli impegni presi dal Governo Renzi nel 2014 ottenendo dalla controparte l'impegno a chiudere in modo definitivo la ferita apertasi nel 2011 con la legge Fornero.
Primo obiettivo della Rete la restituzione al fondo previsto dalla legge 228/2012 delle risorse illegittimamente sottratte dal Governo alla fine dello scorso anno che, unite ai risparmi derivanti dalla settima procedura di salvaguardia, potrebbero, a costo zero rispetto alle somme originariamente stanziate, consentire la tutela alle ultime 24mila persone rimaste ancora fuori dalle tutele.
Un provvedimento indispensabile ricordano dalla Rete da incardinare in Commissione Lavoro alla Camera possibilmente entro l'estate e dar far viaggiare su un binario distinto rispetto ad un (eventuale) ddl sulla flessibilità in uscita che, comunque, vedrebbe la luce non prima della fine dell'anno. Due questioni distinte precisano dalla Rete: "il ddl sulla flessibilità, se mai sarà approvato, non risolve il problema degli Esodati perché non porterebbe sostanziali benefici alle lavoratrici, ai quindicenni, ai contributori volontari che possono far valere la deroga del 2007, parte dei "quarantisti" e ad altri lavoratori che nel 2011 avrebbero visto a breve il traguardo della pensione". Per questa ragione non si "può scambiare o barattare l'ottava salvaguardia con la flessibilità in uscita". Che, comunque, resta un provvedimento utile e da appoggiare perchè sarebbe un rimedio al problema dei lavoratori che hanno perso il lavoro dopo il 2011 e che, come noto, non hanno titolo a partecipare alle cd. salvaguardie.
Per ribadire questa posizione una delegazione di esodati parteciperà il prossimo 2 Aprile alle manifestazioni nazionali indette dai sindacati su tutto il territorio nazionale. Successivamente alle manifestazioni territoriali del 2 aprile, nella seconda metà del mese ci sarà una manifestazione nazionale degli esodati per chiedere l'ottava salvaguardia. La Commissione Lavoro della Camera nei giorni scorsi ha comunque indicato la disponibilità a lavorare all'ottavo provvedimento di salvaguardia non appena si saranno chiuse le procedure della settima (verso l'inizio dell'estate), e come ci siano i presupposti di lavorare per approvare l'Ottava anche prima dell'estate. L'ultima parola spetterà comunque al Governo.
Finora sono stati sette i provvedimenti che hanno «salvaguardato» gli esodati, cioè consentito loro di andare in pensione con le regole in vi­gore prima della legge Fornero proprio per evitare che rima­nessero senza reddito. L'ultima mossa è stata fatta con la legge di Stabilità approvata nel di­cembre scorso. In tutto le per­sone messe in sicurezza sono oltre 172 mila per una spe­sa stimata di vicino ai 9 miliardi di euro.

(Leggi)

4 commenti:

  1. SPERIAMO SIA LA VOLTA BUONA PER CHIUDERE QUESTO DRAMMATICO CAPITOLO DEL NOSTRO PAESE MA SARA' DURA VISTO IL COMPORTAMENTO DEL GOVERNO.

    RispondiElimina
  2. Speriamo sia la volta buona.
    Buona Pasqua a tutti.

    RispondiElimina
  3. Le promesse vanno mantenute....

    RispondiElimina